Tra contaminazione, invenzione, riscrittura e intersemiosi: il Sigfrido a fumetti del Giornalino (1985)