Il "credo" deweyano nella scuola italiana del secondo Novecento