Sulla genesi della "Duchessa di Leyra"