Il crampo agostiniano sul tempo secondo Wittgenstein