Macerie che parlano. Spazi eterotipici del tardo industrialismo