Artista sovrano. L’arte contemporanea come festa e mobilitazione