Le trasformazioni avviate su vari fronti, compresi quelli didattici, dalle Tecnologie della Informazione e della Comunicazione hanno manifestato la loro forte influenza sui processi educativi a largo spettro (si pensi all'utilizzo di Internet come strumento ormai diffuso ed intergenerazionale di informazione, formazione culturale, socializzazione, istruzione), riuscendo a penetrare, specie negli ultimi anni, anche un’istituzione come quella penitenziaria, che per definizione è strutturata sulle più rigide barriere alla comunicazione con l’esterno. L’ampia ottica di questo lavoro intende da un lato introdurre il lettore all’idea della rieducazione in carcere, ricostruendone la parabola storica, riconoscendone gli apporti ed i complessi meccanismi di interazione con le altre funzioni cui assolve la pena carceraria; dall’altra tracciare un punto, informato dalla riflessione sugli elementi di comparazione internazionale, relativamente alla conduzione dei modelli dell’educazione penitenziaria che vedono un utilizzo dei nuovi media, sia come oggetto sia come strumento/ambiente di formazione.

Dal muro alla rete. Trattamento dei detenuti e innovazione tecnologica nell'istruzione e nella formazione penitenziaria. Profili comparativi europei, italiani e spagnoli

PILLERA, GIUSEPPE CARMELO
2017

Abstract

Le trasformazioni avviate su vari fronti, compresi quelli didattici, dalle Tecnologie della Informazione e della Comunicazione hanno manifestato la loro forte influenza sui processi educativi a largo spettro (si pensi all'utilizzo di Internet come strumento ormai diffuso ed intergenerazionale di informazione, formazione culturale, socializzazione, istruzione), riuscendo a penetrare, specie negli ultimi anni, anche un’istituzione come quella penitenziaria, che per definizione è strutturata sulle più rigide barriere alla comunicazione con l’esterno. L’ampia ottica di questo lavoro intende da un lato introdurre il lettore all’idea della rieducazione in carcere, ricostruendone la parabola storica, riconoscendone gli apporti ed i complessi meccanismi di interazione con le altre funzioni cui assolve la pena carceraria; dall’altra tracciare un punto, informato dalla riflessione sugli elementi di comparazione internazionale, relativamente alla conduzione dei modelli dell’educazione penitenziaria che vedono un utilizzo dei nuovi media, sia come oggetto sia come strumento/ambiente di formazione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/351748
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact