La vocazione “unitaria” delle giurisdizioni