Narrare la (morte in) migrazione. «Semiotica del genocidio», violenza culturale e “diasporicidio”