L'attribuzione di uno scudo dipinto del museo di Dresda, già ritenuto di scuola romana del XVI secolo nei modi di Polidoro da Caravaggio, a Luca Giordano è lo spunto per una riflessione sulla pratica artistica in età moderna e sulla attività di falsario del pittore napoletano.

Le molte mani di Luca Giordano: a proposito di una rotella del Museo di Dresda

Valter Pinto
2018

Abstract

L'attribuzione di uno scudo dipinto del museo di Dresda, già ritenuto di scuola romana del XVI secolo nei modi di Polidoro da Caravaggio, a Luca Giordano è lo spunto per una riflessione sulla pratica artistica in età moderna e sulla attività di falsario del pittore napoletano.
978-88-569-0656-1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/359379
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact