476 a.C. Pindaro, Eschilo e il tiranno Ierone