La biblioteca del pedagogista tra Otto e Novecento: il caso della “Raccolta Giuffrida