La vergogna scritta sul corpo: la vagabunda