Il «suono gentile» di Ausmerzen. Marco Paolini tra spettacolo e racconto