The article focuses on those compositions by Franco Evangelisti (1926-1980), whose titles enclose a mathematical symbol. The reference to concepts borrowed from physics and mathematics is common in almost all the works by the Roman composer (e.g. Proporzioni, Aleatorio, Campi integrati n. 2, and the unfinished Condensazioni), and reflects the need for elaborating a new musical thought: its aim was, on one hand, to hinder the speech-oriented categories (according to a widespread aesthetical tendency within the musical post-war avant-garde) that still functioned in the preceding compositional production, on the other, to make clear new forms of sound organisations at the best degree of flagrancy and consistence with complex combinatorial processes, which Evangelisti adopted in accordance with the ‘serial’ composition, but in the frame of a highly experimental conception of sound devoted the its material quality and its actual listening. Despite the chronological concentration of the works to be examined, a path about compositional techniques can be detected right through their titling and their relationship – in particular, for the mathematical symbols they comprehend – with the actual structure of Evangelisti’s works: in 4 ! [4 factorial], a title apposed after the completion of this 1954-56-composed work, the reference to factorial calculation regards substantially the combinatorial arrangement of pitch-class materials, and very secondarily the formal articulation of the two little pieces for piano and violin, which the work consists of. In the case of Spazio a : 5 (1959-61) and the four movements of Random or not Random (1962), instead, the symbols appears more formal keys (within fixed and/or aleatory structures), than mere indexes for the preparation of material, referring anyway to these levels in an allusive way. These compositions will be investigated also through autograph sketches and scores in Evangelisti’s Fund, examined at the time at the private home of Evangelisti’s heirs, and now under relocation at the Isabella Scelsi Foundation in Rome.

Il contributo si concentra su quelle composizioni di Franco Evangelisti (1926-1980) che presentano nel titolo un simbolo matematico. Il riferimento a concetti assunti dall’area fisica o matematica è diffuso un po’ in tutte le titolazioni del compositore romano (si considerino Proporzioni, Aleatorio, Campi integrati n. 2, e l’incompiuto Condensazioni) e riflette l’esigenza di elaborare un nuovo pensiero musicale il quale, da un lato, inibisse – secondo un orientamento estetico diffuso nella neo-avanguardia post-bellica – le categorie discorsive ancora presenti nella produzione precedente, e dall’altro, esplicitasse nuove forme d’organizzazione del suono al miglior grado di evidenza e di coerenza coi complessi procedimenti combinatori, adottati sulla scia della composizione seriale, ma nel quadro – in Evangelisti – di una concezione del suono fortemente materica e sperimentale, orientata all’ascolto. Ciò premesso, e nonostante la concentrazione cronologica dei lavori che saranno esaminati, è possibile disegnare un tragitto tecnico-compositivo attraverso le titolazioni – e il loro rapporto al’effettiva struttura del brano – in cui Evangelisti usa quei simboli: in 4 ! (titolo apposto dopo l’ultimazione del brano, composto nel 1954-56) il rinvio al calcolo fattoriale riguarda in sostanza la predisposizione combinatoria dei materiali d’altezza, ma assai meno l’articolazione formale dei due piccoli pezzi per pianoforte e violino di cui consta il lavoro. Invece, in Spazio a : 5 (1959-61) e nei quattro movimenti di Random or not Random (1962) i simboli funzionano più da operatori formali (in strutture determinate e/o aleatorie), che da indicatori della mera organizzazione del materiale, rinviando a questi piani comunque in modalità allusiva. I lavori saranno indagati ricorrendo anche ai materiali autografi del Fondo Eredi Evangelisti, consultati a suo tempo presso l’abitazione privata degli eredi, e ora in corso di trasferimento presso la Fondazione Isabella Scelsi.

Simboli matematici nei titoli delle composizioni di Franco Evangelisti

Alessandro Mastropietro
2019

Abstract

Il contributo si concentra su quelle composizioni di Franco Evangelisti (1926-1980) che presentano nel titolo un simbolo matematico. Il riferimento a concetti assunti dall’area fisica o matematica è diffuso un po’ in tutte le titolazioni del compositore romano (si considerino Proporzioni, Aleatorio, Campi integrati n. 2, e l’incompiuto Condensazioni) e riflette l’esigenza di elaborare un nuovo pensiero musicale il quale, da un lato, inibisse – secondo un orientamento estetico diffuso nella neo-avanguardia post-bellica – le categorie discorsive ancora presenti nella produzione precedente, e dall’altro, esplicitasse nuove forme d’organizzazione del suono al miglior grado di evidenza e di coerenza coi complessi procedimenti combinatori, adottati sulla scia della composizione seriale, ma nel quadro – in Evangelisti – di una concezione del suono fortemente materica e sperimentale, orientata all’ascolto. Ciò premesso, e nonostante la concentrazione cronologica dei lavori che saranno esaminati, è possibile disegnare un tragitto tecnico-compositivo attraverso le titolazioni – e il loro rapporto al’effettiva struttura del brano – in cui Evangelisti usa quei simboli: in 4 ! (titolo apposto dopo l’ultimazione del brano, composto nel 1954-56) il rinvio al calcolo fattoriale riguarda in sostanza la predisposizione combinatoria dei materiali d’altezza, ma assai meno l’articolazione formale dei due piccoli pezzi per pianoforte e violino di cui consta il lavoro. Invece, in Spazio a : 5 (1959-61) e nei quattro movimenti di Random or not Random (1962) i simboli funzionano più da operatori formali (in strutture determinate e/o aleatorie), che da indicatori della mera organizzazione del materiale, rinviando a questi piani comunque in modalità allusiva. I lavori saranno indagati ricorrendo anche ai materiali autografi del Fondo Eredi Evangelisti, consultati a suo tempo presso l’abitazione privata degli eredi, e ora in corso di trasferimento presso la Fondazione Isabella Scelsi.
9782503585703
The article focuses on those compositions by Franco Evangelisti (1926-1980), whose titles enclose a mathematical symbol. The reference to concepts borrowed from physics and mathematics is common in almost all the works by the Roman composer (e.g. Proporzioni, Aleatorio, Campi integrati n. 2, and the unfinished Condensazioni), and reflects the need for elaborating a new musical thought: its aim was, on one hand, to hinder the speech-oriented categories (according to a widespread aesthetical tendency within the musical post-war avant-garde) that still functioned in the preceding compositional production, on the other, to make clear new forms of sound organisations at the best degree of flagrancy and consistence with complex combinatorial processes, which Evangelisti adopted in accordance with the ‘serial’ composition, but in the frame of a highly experimental conception of sound devoted the its material quality and its actual listening. Despite the chronological concentration of the works to be examined, a path about compositional techniques can be detected right through their titling and their relationship – in particular, for the mathematical symbols they comprehend – with the actual structure of Evangelisti’s works: in 4 ! [4 factorial], a title apposed after the completion of this 1954-56-composed work, the reference to factorial calculation regards substantially the combinatorial arrangement of pitch-class materials, and very secondarily the formal articulation of the two little pieces for piano and violin, which the work consists of. In the case of Spazio a : 5 (1959-61) and the four movements of Random or not Random (1962), instead, the symbols appears more formal keys (within fixed and/or aleatory structures), than mere indexes for the preparation of material, referring anyway to these levels in an allusive way. These compositions will be investigated also through autograph sketches and scores in Evangelisti’s Fund, examined at the time at the private home of Evangelisti’s heirs, and now under relocation at the Isabella Scelsi Foundation in Rome.
Compositional process, Sketch Studies, Serial Music, Mathematical symbols, Music Aesthetics
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/367780
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact