«La memoria è l’unica vera chiave di giudizio». Natalia Ginzburg e il cinema