Max Gluckman, “The Bridge” e le eredità della Scuola di Manchester