I robot e la possibile «prognosi» delle decisioni giudiziali