"Prima di essere ingegneri voi siete uomini": De Sanctis, la prolusione zurighese e l’umanesimo antiretorico