Mythos, logos e realtà. Hans Blumenberg e la "linea di confine"