La parola che risana. Gorgia, logica e tolleranza