Alberada e la voce degli altri: un riesame