Tra frammenti, tracce e rottami. La «figura ritrovata» di Guttuso e il «mondo dell’espressione» di Merleau-Ponty