Rivoluzione etica ed estetica della rinuncia: Celestino V secondo Silone