«Il contesto della parola è l’anima». L’ideale di un’educazione linguistica