Una costituzione di confine: la carta del Carnaro