La pandemia in Wattapad come forma di immaginario collettivo