Fortezza Bastiani e nemico immaginato: un pensiero politico di confine