Sciascia, Pasolini, la lingua di Moro e la "visione delle cose italiane"