Toccare l’ineffabile. La poesia di Eugenio Mazzarella