La dubbia “svolta pedagogica” della Corte costituzionale. Il primato della legalità costituzionale quale giustificazione per un diritto pretorio in grado di soppiantare anche la discrezionalità del legislatore. Riflessioni a margine della sentenza n. 242 del 2019