Il saggio mira a ricostruire la relazione fra uomo e ambiente nelle vaste aree boschive dei Monti Pontici, del Tauro e dell’Antitauro in epoca romano-imperiale e in particolare a verificare l’uso e/o l’abuso delle risorse faunistiche in connessione con l’attività venatoria e piscatoria, nonché la valenza ideologica della caccia agli animali selvatici, intesa anche come simbolo di affermazione del proprio dominio sulla natura da parte dell’individuo di elevata estrazione sociale.

Risorse faunistiche e attività venatoria e piscatoria in Ponto e Cappadocia in età romano-imperiale

Margherita Cassia
2022

Abstract

Il saggio mira a ricostruire la relazione fra uomo e ambiente nelle vaste aree boschive dei Monti Pontici, del Tauro e dell’Antitauro in epoca romano-imperiale e in particolare a verificare l’uso e/o l’abuso delle risorse faunistiche in connessione con l’attività venatoria e piscatoria, nonché la valenza ideologica della caccia agli animali selvatici, intesa anche come simbolo di affermazione del proprio dominio sulla natura da parte dell’individuo di elevata estrazione sociale.
978-88-5491-304-2
Caccia, pesca, Anatolia, Impero romano
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/537919
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact