In this paper I examine the morphologically complex words borrowed by Sicilian from other languages and that are included in the Vocabolario storico-etimologico del siciliano (Varvaro 2014). These loanwords are formed by derivation and composition, but also, albeit much more rarely, by processes of minor morphology. Loanwords arise from all the languages which Sicilian has come into contact with over the centuries (Greek, Arabic, Gallo- Romance, Gallo-Italic, Ibero-Romance, Italian and English). First of all, this study highlights the rich stratification of the Sicilian lexicon. Furthermore, it sheds further light - through a historicaldiachronic perspective - on the processes of word formation in Sicilian. Finally, the study of the Wortbildung can likewise contribute to etymological research.

Lo studio dei lessemi siciliani di origine alloglotta evidenzia (e molte ricerche in proposito sono state fatte) la ricca stratificazione del lessico siciliano. Se poi ci si sofferma su quei prestiti che sono parole morfologicamente complesse, allora si può far luce ulteriormente – attraverso una prospettiva storico-diacronica – sui processi di formazione di parola del siciliano. Lo studio della Wortbildung a sua volta può contribuire alla ricerca e analisi etimologica. Partendo da tali assunti, si studiano in questo contributo i prestiti (registrati nel Vocabolario storico-etimologico del siciliano di Varvaro, 2014) che sono giunti nel siciliano con struttura morfologicamente complessa, i quali sono formati tramite tutti i processi più produttivi, ossia la derivazione e la composizione, ma anche, seppur molto più raramente, attraverso processi di morfologia minore. Le lingue modello sono quasi tutte quelle con cui il siciliano è entrato in contatto nei secoli (greco, arabo, galloromanzo, galloitalico, iberoromanzo, italiano e inglese).

Il lessico esogeno nei processi di formazione di parola del siciliano

Tiziana Emmi
2022-01-01

Abstract

Lo studio dei lessemi siciliani di origine alloglotta evidenzia (e molte ricerche in proposito sono state fatte) la ricca stratificazione del lessico siciliano. Se poi ci si sofferma su quei prestiti che sono parole morfologicamente complesse, allora si può far luce ulteriormente – attraverso una prospettiva storico-diacronica – sui processi di formazione di parola del siciliano. Lo studio della Wortbildung a sua volta può contribuire alla ricerca e analisi etimologica. Partendo da tali assunti, si studiano in questo contributo i prestiti (registrati nel Vocabolario storico-etimologico del siciliano di Varvaro, 2014) che sono giunti nel siciliano con struttura morfologicamente complessa, i quali sono formati tramite tutti i processi più produttivi, ossia la derivazione e la composizione, ma anche, seppur molto più raramente, attraverso processi di morfologia minore. Le lingue modello sono quasi tutte quelle con cui il siciliano è entrato in contatto nei secoli (greco, arabo, galloromanzo, galloitalico, iberoromanzo, italiano e inglese).
978-88-6859-231-8
In this paper I examine the morphologically complex words borrowed by Sicilian from other languages and that are included in the Vocabolario storico-etimologico del siciliano (Varvaro 2014). These loanwords are formed by derivation and composition, but also, albeit much more rarely, by processes of minor morphology. Loanwords arise from all the languages which Sicilian has come into contact with over the centuries (Greek, Arabic, Gallo- Romance, Gallo-Italic, Ibero-Romance, Italian and English). First of all, this study highlights the rich stratification of the Sicilian lexicon. Furthermore, it sheds further light - through a historicaldiachronic perspective - on the processes of word formation in Sicilian. Finally, the study of the Wortbildung can likewise contribute to etymological research.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/545643
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact