Democrazia e rappresentanza. Verso un equilibrio illegittimo?