L’art. 49 cost. e la forma privata dello «spazio pubblico»