Quella pazza Pietroburgo. Ancora su Gogol', Bulgarin e altro