Tre osservazioni sulle questioni di fine-vita