«Grande piccolo?» Il problema dell'accettazione