I lazzari, Pulcinella e il «carattere del popolo meridionale», tra vecchia e nuova Italia