"Un vero, forte e commosso senso di fraternità". A proposito di Sciascia e Pasolini