Dalla fuga al governo. Il valore iniziatico della "constantia" in Giusto Lipsio