L'uomo errante: "Il Milione" e la sua modernità