Un bellissimo novembre’ ovvero la trasparenza linguistica di Ercole Patti