Il «pensare al femminile» nella «società al plurale»: tra rappresentazione del mondo e processi di costruzione/gestione delle risorse umane