Le infinite forme del canone: "Anti-Pamela" di Eliza Haywood