Sul «dies a quo» della giurisdizione criminale senatoria