L’ “apologo del cadí” e il prigioniero: sulle tracce di un appunto di Antonio Gramsci