Reversibilità e polarità nella poesia di Clemente Rebora