Vittorini e la riscrittura di "Conversazione" come foto-romanzo