La "Doctrina Patrum" e la tradizione diretta del carme I,2,10 di Gregorio Nazianzeno